Articoli recenti
Search

NEW E CURIOSITA’ DAL MONDO DELLA BELLEZZA

 

DALLE ORIGINI DEL MAKE UP AL RITUALE DEL BAGNO GIAPPONESE:

NEL MONDO DELLA BELLEZZA NON CI SI ANNOIA MAI.

 

BELLEZZA ECOSOSTENIBILE
La cosmetica del futuro ha una sola parola d’ordine: sostenibilità. I prodotti dedicati alla bellezza saranno sempre più rispettosi dell’ambiente e a prezzi competitivi.

“FACIAL” DA OSCAR
In occasione degli Oscar 2019, un luxury skincare brand spagnolo, Natura Bissé, ha lanciato un nuovo rituale per il viso. Diamond Cocoon Experience, questo il nome del trattamento, è a base di polveri di diamante e ha lo scopo di purificare, fortificare e proteggere la pelle dalle aggressioni dell’inquinamento ambientale e regalare una luminosità immediata, a prova di red carpet.

MAI SENZA PROFUMO
Era il rituale di bellezza preferito da Elizabeth Taylor che in un’intervista affermò:«Per una donna è molto più di un accessorio». Il suo preferito era Bail à Versailles, di Jean Desprez, con note di gelsomino, fiori d’arancio, bergamotto, limone e un cuore di sandalo, patchouli e ylang ylang.

ORIGINI MAKE UP
Risalgono all’antico Egitto i primi rituali beauty. I servi erano soliti applicare un deodorante a base di incenso ai loro padroni. Mentre le donne utilizzavano malachite mescolata a grasso animale come ombretto, che stendevano con bastoncini d’avorio intarsiati, e ocra rossa come rossetto.

IL RITUALE DEL BAGNO
In Giappone, il bagno non è una semplice pratica di igiene ma un momento rilassante e rigenerante che va svolto seguendo precisi passaggi. Si entra, innanzitutto, nella vasca ancora vuota, ci si stringe le ginocchia al petto e si appoggia la fronte su di esse. Rimanendo in questa posizione, si riempie la vasca in modo graduale così che l’acqua da tiepida diventi calda. Deve raggiungere una temperatura di 38° circa. In pochi minuti, sentirai il tuo corpo distendersi.

ERBE AROMATICHE NON SOLO IN CUCINA
A proposito del rituale del bagno, Maria Antonietta era solita farlo in acqua aromatizzata alle erbe. Il suo rituale prevedeva due cucchiai di foglie essiccate di timo selvatico, foglie essiccate di timo comune, foglie essiccate di maggiorana, foglie di alloro schiacciate e una tazza di sale marino finemente macinato. Il tutto portato ad ebollizione e, una volta raffreddato, aggiunto all’acqua del bagno.

AD OGNUNO IL SUO COLORE
Si chiama armocromia ed è l’analisi della palette che meglio si abbina al viso, all’incarnato, al colore dei capelli per scoprire quali sono i colori che più ti valorizzano.

SMALTO AL PROSECCO
Unire il mondo del Food a quello del Beauty. A breve potrebbe essere realtà grazie all’introduzione di uno smalto al gusto di prosecco. Dovrebbe essere di un brillante color oro e la sua particolarità sarà il sapore perché, leccandosi le dita, si avrà la sensazione di avere sotto la lingua il gusto frizzante del noto vino italiano.

Articolo pubblicato su Elisir Fashion Mag – N. 2 / dicembre 2019


LA TUA VITA SI RINNOVA OGNI 7 ANNI

 

TUTTI SAPPIAMO CHE LA NOSTRA ESISTENZA HA INIZIO CON LA NASCITA E TERMINA CON LA MORTE. POCHI SANNO CHE LA VITA, COSÌ COME LE STAGIONI, HA DEI CICLI CHE CAMBIANO E SI RINNOVANO OGNI 7 ANNI. ALLO SCADERE DEL SETTIMO ANNO IL CORPO E LA MENTE ATTRAVERSANO UNA CRISI CHE PORTA AD UNA RIGENERAZIONE PSICOFISICA DELL’INTERO ORGANISMO. TUTTE LE CELLULE DEL NOSTRO CORPO SI RINNOVANO, AVVIENE UN’EVOLUZIONE DELLA PERSONA. LA CONOSCENZA DEI CICLI DEI 7 ANNI ERA DIFFUSA GIÀ NELL’ANTICHITÀ.

IPPOCRATE, PADRE DELLA MEDICINA MODERNA, SOSTENEVA CHE “NELL’ESISTENZA UMANA SONO PRESENTI SETTE TEMPI CHE CHIAMIAMO ETÀ: LATTANTE, BAMBINO, ADOLESCENTE, GIOVANE, ADULTO, UOMO MATURO, ANZIANO”.
Il primo ciclo ha inizio con la nascita. Durante i suoi primi anni di vita, il bambino è concentrato solo su di sé, è al centro del mondo. La sua famiglia soddisfa ogni suo desiderio e, se non lo fa, piange, fa i capricci.

Dopo i 7 anni, avviene il passaggio dalla concentrazione esclusiva su di sé a quella sugli altri. Pone molte domande, è curioso di avere più informazioni dal mondo circostante per questo distrugge oggetti, vuole vedere come funzionano e come sono fatti dentro.

Dopo il 14° anno di età, si apre una nuova fase: la scoperta della sessualità e, più in generale, della passionalità dei sentimenti, si vivono i rapporti in maniera estrema. È anche una fase idealista in cui l’adolescente si ribella a qualsiasi forma di autorità.

Dal 21° anno, la sua sfera delle priorità cambia. Oltre all’amore, si è più ambiziosi, si desiderano beni materiali. Si è attratti dal potere e dal prestigio, si lotta per ottenerli.

A 28 anni termina l’età della spensieratezza e si comincia a pensare ad aspetti più solidi. Ci si focalizza sulla comodità e sulla sicurezza, anziché sull’avventura e sull’ambizione.

A 35 anni si raggiunge il punto Omega in cui l’energia vitale è nel punto massimo. Metà del cerchio della vita è stato completato e da qui inizia il declino dell’energia. Le convenzioni entrano a far parte della vita, si seguono più le regole, l’ordine e la disciplina.

A 42 anni, si vive il periodo più pericoloso che può generare una crisi interiore. Possono iniziare disturbi fisici e mentali. Si sente il bisogno di credere in qualcosa di superiore e di meditare.

A 49 anni si vive un allontanamento dalle passioni e dagli istinti. Questo genera una maggiore tranquillità e più interesse verso gli altri.

A 56 anni comincia l’ultimo ciclo e ci si avvia verso lo Sannyasin, la ricerca del vero. Ci si concentra su sé stessi. Si entra in contatto con la propria interiorità, proprio come i bambini ma più maturi raggiungendo il culmine ai 63 anni.

A 70 anni si diventa consapevoli che il cerchio sta per chiudersi. Si entra di nuovo nell’utero ma questa volta quello che è dentro di noi e che gli indiani chiamano “Garbha”. Rappresenta il nostro ricettacolo interiore, dove vive il nostro Dio.

Articolo pubblicato su Elisir Fashion Mag – N. 1 / maggio 2019


LO SAPEVI CHE…?

Golden Treatment
È l’ultima moda fra le star: utilizzare l’oro nelle maschere viso per illuminare la pelle e rendere l’incarnato radioso. Il lussuoso trattamento è stato portato in auge da Mimi Luzon, una tra le facialist più conosciute al mondo, conquistando in breve tempo modelle, attrici ed influencer.
È disponibile anche da Elisir Wellness & Beauty Care.

Capelli da record
Il primato dei capelli più lunghi del mondo è detenuto dall’americana Asha Mandela, 50 anni. La sua capigliatura è lunga oltre 16 metri e pesa circa 18 kg. I suoi capelli sono così lunghi che rischia un incurvamento della spina dorsale. Persino i medici le hanno consigliato di tagliarli ma Asha ha sentenziato: “I miei capelli sono parte di me. Sono la mia vita. Non li taglierò mai”.

L’invenzione dello smalto
Il primo smalto è stato creato in Cina nel 3000 a.C. Era una miscela a base di albume d’uovo, polvere colorata, cera d’api e gomma arabica. Le diverse tinte corrispondevano a determinate classi sociali: oro o argento per le dinastie più alte e rosso o nero per le classi inferiori.

Rossetto Prezioso
Uno dei rossetti più costosi al mondo è di Guerlain che lo ha lanciato alla modica cifra, si fa per dire, di 62.000 dollari. Il “KissKiss”, questo il nome del rossetto, è racchiuso in uno stick d’oro 18 carati, ricoperto da ben 119 diamanti che si possono sostituire con rubini o smeraldi. È disponibile in 12 diverse nuance.

Quanti capelli abbiamo?
Ognuno di noi ha dai 100.000 ai 150.000 follicoli piliferi sulla testa. Ogni follicolo può far crescere un capello per 2-5 anni e 20-25 capelli nella sua vita. Se i tuoi capelli arrivano sulle spalle, significa che hai circa 36 chilometri di capelli.

La beauty routine di Cleopatra
La regina egiziana più nota della storia amava prendersi cura di sé e del proprio corpo. Una delle sue routine di bellezza era nutrire la suo chioma corvina con il burro di cocco. Per renderli più lucidi, invece, si cospargeva il capo con oli aromatici come quello di sandalo, di cedro e di mirra, che rinforzavano anche i capelli favorendone la crescita.

Origini della beauty bio
L’utilizzo di elementi naturali alla base di prodotti di bellezza era nota sin nell’antica Grecia. Le donne dell’epoca, infatti, erano solite tingersi i capelli con tinture vegetali con ceneri di faggio e grasso animale. Nell’antica Roma, invece, si usavano fiori di camomilla o tuorli d’uovo per schiarire i capelli e avere riflessi dorati.

Contouring
Allan Snyder, in arte Whitey e truccatore di Marilyn Monroe, fu il precursore del contouring, una delle tecniche make up più usate per dare tridimensionalità al viso. Allan era solito, infatti, sfumare del fondotinta più scuro su alcune zone del viso della diva per sfinarlo otticamente.

Quali spazzole usare?
Per ciascuna pettinatura occorre una spazzola diversa. Quelle piatte servono per lisciare. Le spazzole a rullo o rotonde, invece, per arricciare

Articolo pubblicato su Elisir Fashion Mag – N. 0 / dicembre 2018


CURIOSITA’

Un tour per il mondo del wellness e beauty a caccia di rarita’, usi e costumi.

Ti interessa questo argomento? Continua a seguirci presto saremo online con tanti consigli utili per te!